SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI PARI O SUPERIORI A 99 €. HAI DOMANDE? CONTATTACI!

Cosa scatena la micosi dell’unghia?

La micosi dell’unghia è chiamata anche onicomicosi ed è un’infezione da fungo che danneggia la parte dell’unghia chiamata lamina. I funghi che agiscono caso sono il Trichophyton rubrum e il Trichophyton mentagrophytes. Questi ultimi sono già presenti nell’organismo tenuti sotto controllo dal sistema immunitario e, dunque, sono del tutto innocui. Essi prendono il sopravvento quando le difese immunitarie si abbassano, agendo e proliferando indisturbati. Questa tipologia di miceto la si contrae in ambienti umidi come piscine, centri termali, spa e spogliatoi delle palestre.

Questo tipo di agente patogeno, talvolta, non lede soltanto le unghie ma anche altre zone del piede come dita, talloni e bordi. Tali funghi agiscono soprattutto nella zona plantare perché l’ambiente particolarmente umido favorisce la loro sopravvivenza.

Tale infezione è altamente contagiosa e dunque bisogna fare attenzione all’igiene personale e a non scambiare indumenti e biancheria con chi ne è affetto.

Come si contrae l’onicomicosi?

Le micosi si contraggono in luoghi pubblici e umidi, ma ci sono anche altre cause, come:

• Abbassamento delle difese immunitarie;

• Umidità;

• Lesioni dell’unghia che la rendono sensibile aumentando la probabilità di contrarre la micosi;

• Predisposizione genetica.

I sintomi del malessere sono:

• Comparsa di macchie;

• Ispessimento della superficie dell’unghia;

• Superfici frastagliate;

• Dolore intenso sulla superficie;

• Colore scuro;

• Cattivo odore;

• Distacco dell’unghia.

Come si guarisce dalla micosi dell’unghia?

Se avverti i sintomi dell’onicomicosi, allora è il caso di recarsi da un dermatologo. Quest’ultimo prescriverà terapie a base di medicinali antimicotici da applicare direttamente sull’unghia (lacche, smalti e unguenti antimicotici) o da assumere per via orale nel caso in cui il fungo fosse molto resistente. In quest’ultimo caso diventa necessario un intervento dall’interno.

In casi più gravi, ma meno frequenti, si può optare per la rimozione dell’unghia. Quest’ultima ricrescerà rigenerata e più forte di prima, ma tale soluzione si adotta solo in casi di dolore estremo.