Promozione Sustenium 1+1 SCOPRI DI PIÙ

SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI PARI O SUPERIORI A 79 €. HAI DOMANDE? CONTATTACI!

Come sanare efficacemente le ragadi della pelle

Le ragadi sono minuscoli taglietti che si posizionano tra le dita di mani e piedi, vicino la bocca e nella zona anale. In quest’ultimo caso, quando le ragadi si manifestano vicino al retto, si parla di ragadi anali. Quella rettale, infatti, è una parte del corpo crocevia di numerose terminazioni nervose che si infiamma spesso e che tende a screpolarsi in presenza di una defecazione difficile dovuta a stipsi e feci dure.

Come guarire le ragadi anali?

Oltre alla stipsi, numerosi altri fattori possono causare la comparsa di ragadi anali, quali:

• scarsa igiene della zona rettale;

• pratiche sessuali aggressive che impongono l’introduzione di oggetti o altro nel retto;

• diarrea (anche andare troppo spesso al bagno può provocare dolore e arrossamenti della zona di cui si parla).

Questi tagli, seppur di minuscole dimensioni, portano grande dolore durante l’espulsione delle feci ed è per questo che il disturbo rende il momento di andare al bagno particolarmente traumatico. Alcune screpolature non sono visibili ad occhio nudo e ci si accorge di loro solo grazie alla presenza di sangue nelle feci e sulla carta igienica. Se il sintomo persiste, comunque, è necessario consultare il medico.

Le screpolature anali si curano con le pomate giuste

Per curare le ragadi anali bisogna regolarizzare il transito intestinale assumendo fibre e bevendo molta acqua. Così facendo le feci si ammorbidiscono e diventa più semplice espellerle. Inoltre, per lenire il dolore, è possibile impiegare pomate anestetizzanti da applicare direttamente sulla zona anale oppure fare risciacqui con acqua tiepida che dona sollievo istantaneo.