SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI PARI O SUPERIORI A 99 €. HAI DOMANDE? CONTATTACI!

Raffreddore: non solo starnuti e naso colante

Il raffreddore porta numerosi sintomi come starnuti continui e naso colante, ma anche dolori muscolari e mal di testa.

Il raffreddore è l’infiammazione della mucosa nasale e faringea, ed ha origine virale. È una delle patologie più diffuse al mondo e questo per il suo carattere altamente contagioso.

È fondamentale seguire alcune regole di igiene per evitare il contagio che può avvenire per contatto o per vie aeree. Ecco, quindi, cosa fare:

• Arieggia gli ambienti se ti trovi a contatto con persone raffreddate;

• Evita lo scambio di bicchieri, posate e piatti con i soggetti ammalati;

• Lava spesso le mani se sei in contatto fisico con chi è raffreddato.

La malattia raggiunge il suo picco nei primi due giorni, dopodiché sparisce da sola in poco tempo.

Quali sono i sintomi del raffreddore?

Se le difese immunitarie dell’organismo si abbassano, il virus ne approfitta per agire e infettare il soggetto. Le cause possono essere numerose come forte stress o debilitazione fisica. A soffrire di più sono anziani e bambini, soggetti maggiormente deboli rispetto ad adulti in salute.

Anche il freddo favorisce il raffreddore: le temperature basse destabilizzano le vie aeree che abbassano le proprie difese. La conseguenza è la contrazione del virus del raffreddore.

I sintomi di tale malessere sono:

• Gola irritata e dolorante;

• Congestione nasale;

• Naso chiuso e gocciolante;

• Tosse;

• Mal di testa;

• Febbre;

• Ingrossamento dei linfonodi;

• Dolori muscolari.

Come debellare il raffreddore comune

Il raffreddore dura circa una settimana ma, se dura più a lungo, allora si tratta di forme allergiche o sinusite.

Non esistono cure per espellere i virus del raffreddore, ma vi sono numerosi rimedi per agire sui sintomi. Tra questi vi sono aerosol e spray nasali che liberano il ‘naso chiuso’. Anche l’aspirina può rivelarsi utile, a patto che non sia mai somministrata ai bambini al di sotto dei 16 anni.

Se la patologia persiste, allora è necessario rivolgersi al proprio medico curante che potrebbe prescrivere antistaminici contro eventuali allergie.